Quel mare sconosciuto che non abbiamo

                                                       ancora navigato 

                                     sarà sicuramente il più bello di tutti

Panta rei diceva Eraclito, tutto scorre e nulla è più come prima. Bagnarsi una seconda volte da quel punto nella stessa acqua di quel fiume, non sarà mai possibile perché quell'acqua non è più la stessa.

     Anche per noi esseri umani vale il "Panta rei", in misura maggiore per i curiosi e gli inquieti; un film,                                   una nuova conoscenza, un viaggio, la morte di una persona amata...                                                      insomma ogni accadimento, ti trasforma e fa in modo che tu non sia più lo stesso di prima.                            L'Uomo non è un essere statico, ma è un divenire secondo una corrente filosofica Eraclidea                         ripresa ultimamente da Hegel. Tutti noi lo sperimentiamo quotidianamente, nel bene e nel male.                      Sino a qualche anno fa eravamo una nazione di gente solidale e abbiamo subito in modo                                                                          indenne flussi migratori comunque massicci. 

            Oggi pur essendo ridotto quel flusso dell'80%, è bastato un capopopolo con le sue tesi, la loro           ripresa dai midia, la reiterazione delle stesse tesi, per indurre una moltitudine di noi a considerare            i "migranti" il problema per eccellenza, e di questo si discute in misura maggiore in ogni ambiente,            stampa e televisione compresi. Il tutto rimuovendo i veri problemi con cui ci si confronta giornalmente.          Anche nel Bene le circostanze trasformano l'Uomo; un tenero abbraccio al momento opportuno, un nuovo innamoramento, un tramonto e un'aurora da cui siamo presi in contropiede, una vecchia lettura                          fatta alla nuova luce del nostro divenuto, ci trasformano in Uomini e Donne migliori.

                  Credo che facciano eccezione le Persone a torto o a ragione "fidelizzate", Mi riferisco agli                                         ostinati tifosi o a coloro che sono legati ad una specifica corrente politica.                          Costoro contrabbandano per coerenza un'appartenenza ad un gruppo che abiurato, li disorienta e li fa sentire soli. Non ci sarebbe altra ragione per difendere una squadra che retrocede più volte e                                                              considerarla  potenzialmente più forte di una capolista.

      Che dire poi a coloro che difendono ipocritamente un leader che in poco meno di quattro anni ha                                 depauperato un patrimonio umano ed organizzativo storicamente consolidato.

   Prescindendo quindi da ogni eccezione, il Viaggio che tutti noi non abbiamo ancora effettuato...........

                                                                           SARA' IL PIU' B ELLO                                                                                                                                                 Crediamoci